Scopriamo le proprietà curative del gelso bianco e dei suoi frutti

Pubblicato il

 

Il gelso bianco è una pianta famosa soprattutto per il suo legno, utilizzato per la fabbricazione di botti per l’invecchiamento, nonché per essere il cibo preferito dai bachi da seta: infatti le sue foglie sono l’unico alimento di cui questo insetto si nutre per fabbricare il suo prezioso bozzolo.

Ma quel che non tutti forse sanno è che anche i suoi frutti sono ricchi di proprietà fitoterapiche e benefici per l’uomo.

In questa sede cercheremo di capire quali sono, analizzandone le principali applicazioni a livello curativo.

Ma prima cerchiamo di conoscere le caratteristiche generali di questa pianta.

Un albero di origine orientale

La pianta del gelso bianco è originaria della Cina settentrionale, ed appartiene alla famiglia delle Moracee. In natura esiste anche l’albero del gelso nero, appartenente alla medesima specie, anche se i suoi frutti sono ovviamente di colore scuro.

L’altezza del gelso bianco può raggiungere ben 30 metri, e fruttifica nei mesi estivi, in particolare in giugno e luglio.

In Cina, oltre che per la produzione della seta, il gelso bianco era utilizzato anche dalla medicina tradizionale: infatti le more bianche di questa pianta possiedono virtù curative per numerose patologie che affliggono il nostro organismo, grazie alla presenza di sostanze come acido malico, acido citrico, carotene e soprattutto la vitamina C, in grado di ridurre i processi d’invecchiamento cellulare e implementare le difese immunitarie del nostro corpo.

Le proprietà delle bacche di gelso bianco

Come detto in apertura di articolo, il legno di gelso veniva e tuttora viene impiegato nella costruzione di mobili e botti per l’affinamento, mentre le sue foglie costituiscono l’alimento di cui si nutre il baco da seta per la produzione del pregiato tessuto.

Ma oltre a questi elementi costituitivi della pianta, anche i suoi frutti, cioè le more da gelso, possiedono straordinarie qualità, specialmente per la salute e il benessere dell’organismo.

Le bacche di gelso bianco hanno infatti proprietà curative per svariate patologie, quali ad esempio:

  • ipertensione;
  • ipercolesterolemia;
  • diabete
  • infezioni del cavo orale,
  • infezioni alle vie urinarie;
  • perdita di capelli;
  • invecchiamento cellulare;
  • febbre;
  • mal di testa;
  • tosse;
  • dissenteria.

Un ottimo alimento per la salute del cuore

Le more di gelso bianco inoltre possiedono al loro interno elementi nutritivi atti a proteggere e preservare le funzionalità del sistema cardiaco e vascolare: infatti gli acidi organici e i glucidi in esse contenuti contribuiscono ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, oltre che a far scendere la pressione sanguigna.

Tanti elementi nutrizionali per una dieta equilibrata

Oltre a queste virtù benefiche, i frutti del gelso bianco hanno al loro interno elementi nutrizionali perfetti per una dieta sana ed equilibrata.

Tra questi rientrano ad esempio:

  • proteine;
  • tannini;
  • vitamina A;
  • vitamina C;
  • vitamina E;
  • vitamina K;
  • ferro, molto utile per soggetti che soffrono di anemia.

Tali sostanze contribuiscono dunque a mantenere basse le calorie, a stimolare le difese immunitarie, a contrastare l’invecchiamento delle cellule, nonché a tener sotto controllo il proprio peso in maniera perfetta.

Proprietà antibatteriche ed espettoranti

Se utilizzate per farne un decotto, le bacche del gelso bianco sono inoltre un potente antibatterico in grado di contrastare placca, carie e infezioni della bocca in modo del tutto naturale e sano.

Lo stesso decotto può anche costituire un ottimo fluidificante per tosse e catarro, favorendo la sua naturale espulsione.

Azione lassativa

Un’altra proprietà insita nei frutti di tale piante è quella di favorire la regolarità intestinale: infatti le more bianche contrastano i sintomi della stitichezza, ed eliminano tossine e residui dalle pareti intestinali..

Il resveratrolo: una molecola che contrasta la formazione dei tumori

Ma la virtù benefica forse più importante di questi frutti è di certo quella di contrasto alla formazione dei tumori: infatti grazie alla presenza del resveratrolo, le bacche di gelso bianco contribuiscono a neutralizzare la formazione delle cellule tumorali, costituendo un metodo di prevenzione naturale ed efficace.

Proprietà antiossidanti

La presenza di fenoli invece costituisce un ottimo antiossidante naturale, capace di contrastare la formazione dei radicali liberi, i quali sono i principali responsabili dell’invecchiamento delle cellule del nostro organismo.

Un frutto adatto a chi soffre di diabete

Solitamente la frutta contiene fruttosio, una molecola simile allo zucchero, che nei soggetti affetti a diabete può causare complicazioni anche gravi.

Tuttavia, le more di gelso bianco riescono ad inibire i processi di metabolizzazione dello zucchero nel tratto digerente, contribuendo ad un suo lento assorbimento, e regolando quindi il tasso di glucidi e zuccheri all’interno del flusso sanguigno.

Questa virtù risulta essere utile anche a tutti color che soffrono di obesità e patologie epatiche, costituendo un frutto sano e assolutamente senza controindicazioni alcune.

Utilizzare le foglie di gelso bianco per decotti curativi

Oltre alle bacche, anche le foglie di gelso bianco possono essere utilizzate per fare decotti e tisane dalle proprietà curative: infatti essiccaste e sminuzzate, esse possiedono proprietà ipoglicemiche capaci di contrastare, al pari dei frutti, l’accumulo di zuccheri all’interno del sangue.