Ikea “presta” alberi di Natale

fai un regalo all'ambienteCompri l’albero di Natale dal 14 novembre in poi e, se lo riporti tra il 5 e il 12 gennaio con lo scontrino, IKEA ti consegna un buono da spendere entro il 2 febbraio dello stesso valore dell’albero: 9,90 Euro. In più per ogni albero restituito IKEA si impegna a donare 3 Euro al Parco Naturale Regionale dell’Aveto per opere di rimboschimento o di salvaguardia dell’ambiente. L’albero proposto e’ un Picea omorika alto circa 150 cm, senza vaso.

Il Picea omorika (che si scrive con l’iniziale della specie minuscola, non maiuscola come riportato in milioni di volantini pubblicitari che stanno intasando le buche delle lettere in questi giorni) e’ una specie proveniente dalla Serbia usato oltre che come decorazione natalizia anche per fare carta e pannelli di legno. IKEA destina gli alberi restituiti dopo le feste al compostaggio o alla produzione di pannelli truciolari.

Ora, analizzando la cosa dal punto di vista del marketing, IKEA vi offre un ampio periodo per gli acquisti (circa un mese e mezzo tra novembre e dicembre) e solo una settimana per riportare l’alberello e ricevere il buono sconto. Questo rende la resa un po’ più difficile dell’acquisto e contiene un po’ i costi dell’operazione per IKEA. La pubblicità dell’iniziativa crea consenso intorno al marchio e invoglia la gente ad andare a prendere l’albero in prestito, ovvio che una volta raggiunto il punto vendita per IKEA diventa facile infilare nel carrello anche qualche altra cosa oltre all’albero, cose che magari uno avrebbe comprato altrove.

Dal punto di vista economico l’offerta e’ vincolata ad un acquisto posticipato (dandovi il buono, invece dell’albero comprerete un set di tovaglioli, ma qualcosa comprerete visto che non vi ridanno i soldi!) e’ quindi a tutti gli effetti un’esca pubblicitaria. Ora, IKEA dice che negli ultimi 4 anni le sono stati restituiti 60.000 alberi. Stimiamo che quest’anno ne riavrà circa 15.000 e, quindi, donerà 45.000 Euro ad un parco naturale. Riusciranno gli alberelli piantati con 45.000 Euro a riassorbire la CO2 emessa per spostare le decorazioni natalizie prodotte ai 4 angoli del mondo fino ai negozi IKEA? Riusciranno a compensare la carta usata per i cataloghi natalizi? Riusciranno a compensare i viaggi in auto dei clienti fino al punto vendita per gli acquisti?

Non lo so, ma nel dubbio decoro l’edera che mi cresce al davanzale invece dell’albero “in prestito”.

Foto | g-hat

5 comments

  1. oggi 27 novembre alle ore 11 all’ikea di Torino ho acquistato un albero di Natale.
    L’incaricato mi ha chiesto i 9.99 euro e alla mia richiesta: ma non devo avere lo scontrino per poi poter avere il buono alla sua restituzione? senza parlare ha preso una cartolina di promozione timbrandola con la scritta “annullato” e dicendomi che quello era lo scontrino.
    dubbioso ho chiesto spiegazioni ad amici che l’anno scorso avevano acquistato l’albero e mi è stato detto che avrei dovuto fare prima lo scontrino.
    Ritengo, se è esatto quanto suppongo, questo un furto del vostro incaricato nei confronti di IKEA oltre che una cattiva immagine.
    Altresì un furto nei confronti del Parco che usufruisce di una quota e questo lo dico ancora piu’ dispiaciuto essendo il presidente del Parco naturale Provinciale del lago di Candia.
    grazie per una risposta e resto a vostra disposizione per ogni chiarimento.
    Mario Mottino ( cel 347 4409041 )

  2. lumachina says:

    Il Signor Mottino mi ha fatto sapere che, a seguito del suo reclamo, la direzione di Ikea Torino ha iniziato una serie di controlli sui cassieri, tenuti a lasciare lo scontrino ai clienti che volessero utilizzare il bonus sugli alberi di Natale.

  3. Mario says:

    porcoputtana quanto sei acida ah lumachina!
    e addobbate sta cazzo d’edera e nn rompere i coglioni!! ahahahahahah

  4. [...] se messi in terra in riva al mare. Ci sono poi gli abeti del Nord e dell’Est Europa, o gli alberi di IKEA, originari di una piccola zona del Caucaso, che sarebbero specie aliena, infestanti e sgradite, da [...]

  5. [...] di Natale. Per ora non si sa se la campagna di restituzione e ripianto di alberi di Natale sarà riproposta. E’ in corso la campagna “Ri-scalda la notte”: portando nei [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>